L'Istrice, la specie più comune di porcospino

Leggi l'articolo

Questo simpatico e pacifico abitante dei nostri giardini è quello che comunemente chiamiamo porcospino

Molte persone non hanno mai avuto la fortuna di imbattersi in un istrice, questo perché, ad oggi, gli esemplari di questa specie, per i motivi più disparati, sono sempre più rari.

L'istrice o, meglio, le sue numerose sottospecie, abitano i territori dell'Africa centro-settentrionale ed anche l'Italia.

Usuale frequentatrice delle zone tirreniche, questo timido animale predilige le zone  scarsamente antropizzate e ricche di un abbondante vegetazione; in oltre, come dimostra la sua presenza in aree geografiche così diverse, è in grado di adattarsi a diversi habitat: dalla macchia mediterranea, alle foreste, fino alle zone semi-desertiche.

Tuttavia, è ancora da verificare la sua effettiva presenza nelle zone dell'area balcanica dove la sua presenza, malgrado le numerose segnalazioni, appare ancora poco credibile.

Ma, quando ci troviamo di fronte ad un animale con gli aculei, come possiamo sapere che si tratta proprio di un'istrice?

Primo indizio è, senza ombra di dubbio, la grandezza: a differenza del riccio, infatti, l'istrice ha una lunghezza che varia dai 60 fino a gli 82 cm per un peso che oscilla addirittura tra i 13 ed 27 kg. Come nel riccio, però, anche nell'istrice la coda è ridotta ad un moncherino di circa 112cm.

Il suo pelo, folto sul corpo, è setoloso e di colore nero; sulla testa, il pelo diviene di colore marroncino, mentre sulla gola si presenta una mezzaluna bianca, come un mezzo collare.

Essendo un animale principalmente notturno, una sua caratteristica sono le vibrisse che sporgono dal grosso muso arrotondato, poco più in sotto dei piccoli occhietti neri.

Ma, ovviamente, ciò che caratterizza in modo inconfondibile l'istrice sono gli aculei che raggiungono la lunghezza di ben 35cm e sono caratterizzati da un bel colore nere striato di bianco.

Essi possono essere eretti a piacere grazie ai muscoli piloerettori che l'istrice utilizza quando si sente in pericolo.

Anche gli aculei hanno, a loro volta, una particolarità: sulla coda, infatti, si presentano dei peli cavi, del tutto simili agli aculei, che l'animale, scuotendo, utilizza per scoraggiare gli eventuali aggressori.

Sulla testa poi, l'istrice non presenta dei veri aculei, ma solo dei peli particolarmente setolosi di colore bianco che, posti sulla sommità del capo come una specie di cresta erettile, sono utilissimi per ingannare gli aggressori.

Infatti, quando l'istrice è spaventata o eccitata rizza peli ed aculei nello stesso tempo apparendo più grossa e minacciosa di quanto non sia in realtà.

Nel caso in cui nemmeno questo espediente riesca a fare desistere l'aggressore dalle sue intenzioni, l'istrice inizia a picchiare rumorosamente le zampe sul terreno e a far 'suonare' gli aculei presenti sulla coda.

Come ultima risorsa poi, all'istrice non rimane altra scelta se non quella di caricare l'avversario ed infliggergli più aculei possibili. Infatti, gli aculei sono attaccati piuttosto superficialmente alla pelle dell'istrice e si staccano con facilità, finendo con il conficcarsi a fondo nel corpo dell'avversario.

Apparentemente aggressivi, però, gli istrici sono animali assai solitari, timidi e schivi e, durante il giorno, preferiscono riposare in calde ed umide spaccature nella roggia o in tane che scavano nel terreno.

Nelle ore buie, invece, girovagano coperti e riparati dalla confortante oscurità della notte alla ricerca di tuberi e bulbi di cui si nutrono.

Ovviamente poi, come tutti i buoni erbivori, non disdegnano morbide cortecce, patate e mais, che spesso rubano dalle piantagioni, per non parlare della frutta di cui vanno ghiotti: l'uva è il loro frutto preferito e sono in grado di farne scorpacciate mangiandone gli acini con tanta delicatezza da non staccare nemmeno il graspo dalla pianta.

Per finire, possiamo sfatare un luogo comune riguardante proprio questi animali: le istrici continuano a lavorare, a meno che le temperature non siano troppo rigide, anche durante l'inverno; infatti questi animali non vanno il letargo.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

Come costruire una casa per Ricci

Alcune semplici regole per dare una casa al vostro amico spinoso: confort e protezione saranno le caratteristiche principali

Vi piaccioni i ricci, con il loro simpatico musetto e la loro indole pacifica? Volete approfittare della sua presenza per tenere alla larga i nemici del vostro giardino?

Il metodo più semplice per realizzare tutto questo è senza dubbio creare una casa solida e rubusta per il nostro piccolo amico.

Vai all'Articolo

Tutti i pericoli per il riccio

Il tagliaerba, i cumuli di compost, i reticolati, i diserbanti e le barriere architettoniche: se volete avvalervi dei servizi di disinfestazione naturale dei ricci, sinceratevi di non creare loro dei seri pericoli.

Se il vostro bel giardino è una meta frequentata da uno o più porcospini, e a voi tutto sommato questo fa piacere, dovrete fare attenzione ad alcune normalissime operazioni di manutenzione perchè rappresentano un pericolo enorme per l'incolumità dei nostri simpatici ospiti.

Vai all'Articolo

Il riccio, il perfetto disinfestatore dei giardini

I ricci non sono solo carini e dolci, ma sono anche preziosi disinfestatori dei parassiti: convinciamoli quindi a frequentare i nostri giardini

L'errore più grande che le persone commettono riguardo ai porcospini è considerarli poco più che ratti selvatici ricoperti di pulci e zecche.

Sappiate che un riccio in salute non avrà più pulci di qualsiasi altro animale di dimensioni simili.

Vai all'Articolo

Tutte le specie di Porcospino

Il Porcospino, cosa è in Realtà? Ecco i tre diversi animali che di solito, erroneamente, vengono indicati con il nome di porcospino.

Il termine 'porcospino' spesso ci riporta alla mente l'immagine di un piccolo animale, goffo e rotondo, con il dorso ricoperto di aculei.

Nell'immaginario di tutti i bambini, ed anche degli adulti, il porcospino non è altro che un piccolo riccio buffo e solitario, il classico animaletto dei sottoboschi che gironzola tra le foglie alla ricerca di cibo.

Vai all'Articolo

Il Porcospino Americano, aculei più corti e pelo più folto

Il Porcospino Americano o Ursone Nordamericano è la specie di istrice molto comune al di là dell'Atlantico e si differenzia dal cugino europeo per le diverse dimensioni di aculei e pelo

Animane ancora più insolito, soprattutto per noi europei, è il porcospino nordamericano, altrimenti conosciuto come ursone nordamericano (nome scientifico: Erethizon dorsatum).

Questo animale, molto somigliante all'istrice, si trova principalmente nell'America del nord: Canada, USA e Messico settentrionale.

Vai all'Articolo

Il Riccio Comune, quel buffo musetto delle nostre città

Il Riccio Comune è pacifico e tranquillo: lasciatelo in pace e si rivelerà un grandissimo amico per l'uomo

L'animale di cui stiamo per parlare è ampiamente diffuso in Europa ed in Nuova Zelanda, dai paesi mediterranei fino alle fredde terre della penisola scandinava e della Siberia.

In Italia, infatti, è presente su tutto il territorio della penisola con le sue diverse e numerose sottospecie.

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web

porcospino.it

Il portale dedicato all'istrice: comportamenti habitat e indole di un animaletto davvero utile per l'uomo

porcospino.it

Compila il modulo per contattarci

051 267600

Il tuo messaggio è stato inviato! Vi risponderemo nel più breve tempo possibile
Errore!! messaggio NON inviato
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 2016/679, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali, per le finalità ivi indicate finalizzate alla corretta esecuzione delle obbligazioni contrattuali
Dichiaro di essere maggiorenne secondo la normativa vigente nello stato a cui appartiene il fornitore del servizio